sabato 12 agosto 2017

Angelo Ferraioli, odontotecnico di 51 anni, è morto in mare per salvare la figlia: paese in lutto

LA TRAGEDIA

Muore in mare per salvare la figlia: Nocera Inferiore in lutto per Angelo Ferraioli

I bagnanti di Castellabate: «E’ morto da eroe»

CASTELLABATE - «E’ morto da eroe», ripetono i bagnanti che, impotenti, hanno assistito a una tragedia che difficilmente dimenticheranno. Quella che doveva essere una tranquilla giornata in spiaggia si è trasformata in qualcosa di indicibile. Angelo Ferraioli, odontotecnico 51enne di Nocera Inferiore, ha perso la vita provando a strappare al mare la figlia di 16 anni in difficoltà a Santa Maria di Castellabate.
L’uomo, notati gli “strani” movimenti in acqua della ragazza, non ha esitato un attimo e si è tuffato, senza attendere neanche l’intervento dei bagnini. La corrente, in pochi attimi, l’ha trascinato a largo e ogni tentativo di raggiungere il materassino della 16enne è risultato inutile. Sul posto, in pochi minuti, sono giunti i militari della locale Guardia Costiera che hanno fatto i conti con la forza del mare: tre di loro, infatti, sono rimasti leggermente feriti dopo che le onde hanno fatto ribaltare il loro gommone sulla spiaggia di Marina Piccola. Condotti all’ospedale di Roccadaspide, le loro condizioni di salute non destano preoccupazioni.
I militari, in ogni caso, sono riusciti a portare a riva il 51enne che è stato rianimato lungamente dai volontari del Saut di Castellabate, sotto gli occhi del figlio di 21 anni. Ogni tentativo, però, è risultato inutile. In seguito sono arrivati anche i carabinieri della stazione di Santa Maria di Castellabate che stanno ricostruendo l’accaduto acquisendo le testimonianze dei bagnanti che difficilmente potranno dimenticare questa giornata al mare.
Scrivi un Commento è importante!!Grazie
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio Completo