sabato 17 giugno 2017

Clara Lorenzut, mamma di 44 anni, si è spenta a causa di un male incurabile

Stroncata dal male, mamma muore a 44 anni  

Porpetto piange Clara Lorenzut, già direttrice di un’agenzia interinale a Udine. Lascia il marito e due figlie di 7 e 10 anni 

PORPETTO. Lutto a Porpetto, dove una giovane mamma è scomparsa dopo aver lottato contro una grave malattia. Clara Lorenzut, 44 anni, una delle anime dell’associazione di pattinaggio “Il Quadrifoglio”, ha dovuto arrendersi al male che lo aveva aggredito. Lascia nel dolore il marito Massimo Grosso e due figlie di 7 e 10 anni. I funerali si terranno oggi alle 16 nella chiesa parrocchiale di Porpetto.

Clara Lorenzut, che era originaria di Medea, aveva conosciuto Massimo, un giovane perito di Torviscosa, e dopo un periodo di fidanzamento, nel 2001, la coppia aveva deciso di sposarsi andando ad abitare nel paese della Bassa friulana.

Nel 2003 Clara e Massimo si erano poi trasferiti a Porpetto, dove avevano comprato casa. Intanto Clara, che era laureata in filosofia, aveva fatto carriera nell’ambito della professione ed era diventata direttrice di un’agenzia interinale di Udine, di cui si era occupata seguendo anche le due filiali.

Ma dieci anni fa con la nascita della primogenita e successivamente con quella della seconda figlia aveva fatto una scelta di vita: in accordo con il marito, aveva deciso infatti di fare soltanto la mamma e aveva lasciato il lavoro senza alcun rimpianto. «È stata una scelta importante – racconta Massimo – così almeno si è potuta godere le bimbe, visto quello che è accaduto».

A Porpetto Clara si è fatta subito conoscere e amare da tutti e con l’inizio dell’attività scolastica delle figlie era entrata anche a partecipare in modo attivo nel mondo della scuola. E poi era diventata parte attiva anche dell’associazione di pattinaggio “Il Quadrifoglio”, dove le due bambine avevano iniziato l’attività agonistica.

Clara seguiva con grande passione tutte le gare delle due amatissime figlie, era sempre presente, attenta ed entusiasta dei loro successi che condivideva con il marito, orgogliosissimo delle sue tre donne.

Clara aveva poi una grande passione, il lavoro all’uncinetto, al quale si dedicava soprattutto realizzando borsette di tutte le forme e tipologie. Aveva anche aperto una pagina facebook in cui mostrare le sue creazioni, peraltro molto apprezzate, e aveva iniziato a pensare che questa potesse essere una nuova attività da coltivare.

Poi, purtroppo, la scoperta della malattia, le cure e la speranza di farcela: ma nei giorni scorsi la situazione è precipitata e mercoledì, in ospedale a Udine, si è dovuta arrendere.

Grande dolore nella comunità del paese della Bassa friulana, soprattutto tra le mamme del pattinaggio che erano convinte «che ce l’avrebbe fatta. Lo speravamo tanto – raccontano -, ne eravamo convinte e ora questa tragedia che ci scuote tutti».

I genitori dei compagni di scuola e dei colleghi del pattinaggio sono molto vicini al marito e alle due figlie e non mancheranno di fa sentire il loro affetto, assieme a tutta la comunità porpettese, a questa famiglia così duramente colpita nei suoi affetti più cari. Scrivi un Commento è importante!!Grazie
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio Completo