giovedì 28 febbraio 2013

[ANGELI VOLATI VIA] Fernando Campioni, 37 anni è morto questa sera per un malore mentre giocava a calcetto con gli amici.

LUCCA 28 Febbraio 2013 Un 37enne residente a Pietrasanta (Lucca) è morto questa sera per un malore mentre giocava a calcetto con gli amici. È successo nel centro sportivo La Pergolaia a Forte dei Marmi. Fernando Campioni, 37 anni, si è improvvisamente accasciato a terra. Subito soccorso anche dai sanitari del 118 e rianimato, l'uomo è deceduto mentre con l'ambulanza veniva trasportato all'ospedale.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/28/2013 05:11:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] Daniela Carnevale, 49 anni è morta a Isola Liri, Frosinone, dopo essere precipitata dal quarto piano di una palazzina

FROSINONE 28 Febbraio 2013 Una donna di 49 anni, Daniela Carnevale, è morta questa mattina a Isola Liri, Frosinone, dopo essere precipitata dal quarto piano di una palazzina. Non è esclusa l'ipotesi del suicidio, dovuta ad una lettera che la donna avrebbe lasciato ai propri familiari: una lettera di addio, ora al vaglio degli inquirenti. I soccorsi, giunti tempestivamente sul posto, hanno prestato le cure del caso alla donna, ma la corsa verso l'ospedale di Sora è risultata inutile.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/28/2013 04:59:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] Antonino Castiglia 42 anni è morto dopo essere caduto da un'impalcatura mentre lavorava in un cantiere in piazzetta Sant'Antonino

Il 42enne Antonino Castiglia, è morto dopo essere caduto da un'impalcatura mentre lavorava in un cantiere in piazzetta Sant'Antonino, a Palermo. Un operaio di 42 anni, Antonino Castiglia, è morto dopo essere caduto da un'impalcatura mentre lavorava in un cantiere in piazzetta Sant'Antonino, a Palermo. Sull'incidente indaga la polizia. L'operaio è stato portato d'urgenza all'ospedale Civico dove è deceduto.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/28/2013 11:00:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Addio Cornelio Coppini 62 anni direttore generale dell'ospedale Civile e dell'Asl di Brescia

Si è spento a 62 anni dopo una lunga malattia il direttore generale dell'ospedale Civile Cornelio Coppini. Il decesso è avvenuto in tarda mattinata. Alla guida del Civile dal primo gennaio del 2008, Coppini era stato direttore generale degli Istituti Ospedalieri di Cremona dal 2003 al 2007. Dal 1999 al 2002 era stato direttore generale dell'Asl di Brescia; prima, nel 1998 era stato direttore sanitario al Civile di Brescia. A inizio carriera, dal 1978 al 1987 aveva guidato l'Ussl di Leno-Manerbio. «Profondo cordoglio» per la scomparsa di Cornelio Coppini, direttore generale dell'Azienda ospedaliera Spedali Civili di Brescia, è stato espresso dal presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, in un messaggio alla famiglia. «Cornelio Coppini - scrive Formigoni -, nei lunghi anni in cui ha prestato servizio per le aziende sociosanitarie e ospedaliere lombarde, ha saputo farsi apprezzare da tutti coloro che lo hanno incontrato per la sua straordinaria umanità, oltre che per la totale dedizione al proprio lavoro e per le sue eccellenti capacità professionali. Esprimo la mia vicinanza alla vostra famiglia in questo momento difficile - conclude Formigoni - con la certezza che la memoria di Cornelio riuscirà a illuminare ancora la vostra vita e quella di tutte le persone a lui care».

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/28/2013 08:14:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Ciro Moccia, di soli 42 anni, dipendente Ilva muore in un incidente mortale ferito Antonio Liti della ditta MIR

Roma, 28 febbraio 2013 Questa notte si è verificato un incidente mortale nello stabilimento Ilva di Taranto. Lo comunica la Fim-Cisl in una nota. Un morto e un ferito grave. Sarebbero caduti - afferma il sindacato - dal piano di carico della batteria n.9. L'operaio morto si chiamava Ciro Moccia, di soli 42 anni, dipendente Ilva. E' rimasto ferito Antonio Liti della ditta MIR. "Dopo alcuni anni in cui non si verificavano incidenti mortali, tre morti nel giro di pochi mesi sono fatti gravi e inaccettabili", afferma Marco Bentivogli, segretario nazionale Fim Cisl. La Fim Cisl chiede che si accertino subito le responsabilità di quanto accaduto e proporrà a Fiom e Uilm un'iniziativa di 24 ore di sciopero. "Il lavoro deve essere salubre e sicuro", osserva Bentivogli.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/28/2013 05:41:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Maria Orfeo 83enne anziana morta dopo rapina

Firenze, 28 febbraio 2013 Una ragazza di 23 anni è accusata, assieme al fidanzato di 21, di aver rapinato, con la violenza, a Livorno, la propria nonna di 83 anni, provocandole la morte, avvenuta il 19 febbraio, tre giorno dopo l'aggressione subita. La vittima, Maria Orfeo, aveva raccontato agli inquirenti la propria versione dei fatti: "ero in casa a vedere la tv, quando sono stata aggredita alle spalle. Mi ha messo un cappuccio in testa e mi ha stretto al naso con le dita per non farmi respirare. Poi mi ha strappato la catenina dal collo e mi ha gettato a terra con con forza, tanto che mi sono rotta il femore". Tre giorni dopo, il decesso. Ad 'incastrare' i due giovani, indagati per rapina pluri-aggravata e omicidio volontario, è stato un controllo della polizia ad un "Compro Oro" di Livorno, dove è stata ritrovata la catenina. I due ragazzi avevano venduto il giorno stesso della rapina per 270 euro. Ma non era la prima volta, spiega la polizia, che i due giovani, Jessica Cavallini e Andrea Correnti, rubavano gioielli all'anziana.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/28/2013 05:37:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Venezia-Udine, a circa 500 metri dalla stazione di Casarsa della Delizia un uomo si è lanciato sotto un treno

PORDENONE 28 febbraio 2013 Un giovane dall'apparente età di trent'anni, non ancora identificato, si è lanciato stamane attorno alle dieci sotto un convoglio ferroviario della linea Venezia-Udine, a circa 500 metri dalla stazione di Casarsa della Delizia. L'evento non ha avuto testimoni in quanto avvenuto in aperta campagna. Da allora la circolazione ferroviaria è interrotta per permettere i rilievi da parte dell'Autorità giudiziaria.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/28/2013 05:30:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Osanna Pia Stefanini, originaria di Frisanco Investita mentre attraversa un incrocio in bicicletta

PORDENONE 28 febbraio 2013 Investita ieri mattina lungo la bretella che da Montereale Valcellina conduce a Maniago, una donna di 73 anni è morta a poche ore dal ricovero nell'ospedale triestino di Cattinara. La donna, Osanna Pia Stefanini, originaria di Frisanco era stata investita da un'utilitaria mentre, in sella alla propria bicicletta, stava attraversando un incrocio. Cause e responsabilità dell'incidente sono ancora in corso di valutazione da parte della polizia stradale.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/28/2013 05:26:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Danilo Alessio Lo Presti, un fotografo dell'agenzia LaPresse di 42 anni, è stato trovato morto ieri pomeriggio sotto ponte Testaccio

ROMA 28 febbraio 2013 Danilo Alessio Lo Presti, un fotografo dell'agenzia LaPresse di 42 anni, è stato trovato morto ieri pomeriggio sotto ponte Testaccio, ucciso con un colpo di pistola alla testa. Il cadavere è stato notato da un passante, lungo un tratto della pista ciclabile. A riconoscerlo sono stati i colleghi di Lo Presti che avevano preso appuntamento con lui per correre insieme. Sul posto sono accorsi un equipaggio della polizia e un'ambulanza che è ripartita vuota dopo che il personale sanitario ha constatato il decesso. UCCISO CON UN COLPO DI PISTOLA Il fotografo dei vip Daniele Lo Presti, trovato morto ieri a Roma, è stato ucciso da un colpo di pistola alla testa. Inizialmente si era pensato ad una caduta accidentale forse dovuta ad un malore, poi è stato verificato che l'uomo è stato ferito mortalmente da un proiettile. MINACCIATO PER GELOSIA Il killer di Daniele Lo Presti ha colpito il fotografo alla testa, frontalmente. E dai primi rilievi, ad una distanza piuttosto ravvicinata. In attesa di estrarre il proiettile dal cranio della vittima e dell'esame balistico, l'ipotesi è che la pistola utilizzata per l'omicidio possa essere di piccolo calibro, tipo un '22'. Gli investigatori indagano a 360 gradi e le minacce subite non sarebbero avvenute a Roma ma in Calabria e risalgono al 2009, quando fu bruciata la sua auto. Minacce che all'epoca furono associate a questioni di gelosia. Al momento non ci sono elementi che legherebbero l'omicidio a quelle minacce ma nulla viene escluso. Sulla vicenda indaga il commissariato di Monteverde e la Squadra Mobile di Roma. In questi anni Lo Presti era stato autore di foto che avevano fatto il giro del mondo, come quelle a cantanti e attori del calibro di Ryhanna, Brad Pitt, Scarlett Johansson, ma anche foto scandalistiche a personaggi italiani come Sara Tommasi, ritratta nuda in strada. IN PASSATO FU VITTIMA DI MINACCE Minacce e intimidazioni. Daniele Lo Presti, paparazzo di professione, aveva 42 anni ed era originario di Vibo Valentia ma da una ventina di anni viveva a Roma e viaggiava continuamente anche all'estero per il suo lavoro. Il fotografo in passato aveva anche ricevuto minacce intimidatorie: la sua auto fu incendiata. Durante l'autopsia è stato rilevato, da un foro alla testa, che un proiettile era conficcato nel cranio. Ieri, intorno alle 17, Lo Presti era andato a correre sulla pista ciclabile di ponte Testaccio. A dare l'allarme è stato un passante mezz'ora dopo, che ha trovato il corpo in terra nel sangue sotto il ponte. Poco distante c'era un gruppo di amici che lo stava aspettando per fare jogging. "LE SUE FOTO INFASTIDIVANO" «È chiaro che Daniele era una persona che infastidiva per il lavoro che faceva, fatto di tanti scoop e foto clamorose. L'ultimo erano le foto della cantante Rihanna a Capri. Ma lui era stato parecchio anche all'estero, dove aveva per esempio scattato delle foto a Brad Pitt con una presunta amante». A parlare è un amico di Daniele Lo Presti, il paparazzo ucciso ieri pomeriggio a Roma. «Daniele era amico di tutti - prosegue - anche di alcuni vip come Fiorello, con cui aveva un bel rapporto. A Roma viveva da solo e tra i fotografi veniva chiamato 'Johnny'. Lavorava per l'agenzia fotografica La Presse».

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/28/2013 05:19:00 AM

mercoledì 27 febbraio 2013

[ANGELI VOLATI VIA] Danilo Alessio Lopresti, un forografo dell'agenzia LaPresse di 42 anni, è stato trovato morto sotto ponte Testaccio.Colpito da malore

ROMA 27 Febbraio 2013 Danilo Alessio Lopresti, un forografo dell'agenzia LaPresse di 42 anni, è stato trovato morto oggi pomeriggio sotto ponte Testaccio. Il cadavere è stato notato da un passante, lungo un tratto della pista ciclabile. A riconoscerlo sono stati i colleghi di Lopresti che avevano preso appuntamento con lui per correre insieme. Sul posto sono accorsi un equipaggio della polizia e un'ambulanza che è ripartita vuota dopo che il personale sanitario ha constatato il decesso. IPOTESI MALORE In un primo momento gli investigatori hanno ipotizzato che l'uomo si potesse essere gettato dal ponte. Ma dopo l'esame del medico legale l'ipotesi principale è quella di un malore mentre stava facendo footing lungo la pista ciclabile. Daniele aveva indosso una tuta e dei calzoncini sportivi. I colleghi amici, non vedendolo arrivare, hanno cominciato a correre lungo il Tevere da soli finché, arrivati all'altezza di ponte Testaccio, non hanno notato la polizia intorno al corpo. Daniele aveva al collo una chiave, probabilmente della sua auto, ma nessun documento con sé. A riconoscerlo sono stati loro. La salma è stata trasportata all'obitorio dell'Istituto di Medicina Legale de La Sapienza. Il corpo presenta una ferita al sopracciglio: potrebbe essere dovuta alla caduta a seguito di un malore oppure Daniele potrebbe essere scivolato battendo la testa.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 05:17:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] AUTO TRAVOLGE UN UOMO IN BICICLETTA: MORTO SUL COLPO

SALERNO 27 Febbraio 2013 Tragico incidente stradale in serata, in via Fabbrica Nuova a Battipaglia nel salernitano: un uomo di 50 anni alla guida di un'auto ha travolto e ucciso un extracomunitario che si trovava a bordo della sua bicicletta. L'automobilista si è fermato per prestare soccorso all'uomo ma era già morto. I carabinieri della stazione di Battipaglia sono intervenuti in via Fabbrica Nuova per fare chiarezza sulla dinamica dell'incidente ma anche per cercare di identificare la vittima che non aveva documenti indosso.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 12:00:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] UCCIDE LA COMPAGNA A COLPI DI MATTARELLO E POI CHIAMA LA POLIZA

RIETI 27 Febbraio 2013 Un macedone di 42 anni ha ucciso la compagna di 38 anni sua connazionale a Rieti, colpendola più volte con un mattarello. Il delitto è avvenuto intorno alle ore 15.30 in una abitazione in via Di Mezzo, nel centro della città. Ad avvertire la polizia è stato lui stesso, subito dopo è giunto nell'appartamento un medico del 118 che non ha potuto far altro che constatare il decesso della 38enne. Secondo una prima ricostruzione, fornita dalla questura di Rieti, il 42enne, reo confesso, avrebbe ucciso la sua compagna dopo una lite, colpendola violentemente con il mattarello alla testa e all'addome. L'uomo è ora in stato di arresto negli uffici della squadra mobile. Nell'appartamento di via Di Mezzo è in corso un sopralluogo del medico legale e del magistrato di turno, mentre la polizia scientifica sta ancora compiendo i rilievi.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 11:50:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Debra Denison, 47 anni uccide i nipotini Ashton Perry, 2 anni e Alton Perry, 6 mesie poi si toglie la vita

ROMA 27 Febbraio 2013 La nonna è andata all'asilo nido a prendere i due nipotini di 6 mesi e due anni, ma non per portarli a casa, bensì per ucciderli. A colpi di pistola. Dramma familiare negli Stati Uniti, dove una nonna e i suoi due nipotini, Alton Perry, 6 mesi, e Ashton Perry, 2 anni, sono stati ritrovati morti in una macchina a Preston, in Connecticut, in quello che è subito apparso come un caso di omicidio-suicidio. I piccoli, uno di due anni e l'altro di sei mesi, erano stati dati per scomparsi dopo che la nonna li aveva presi dal nido e non aveva fatto ritorno a casa. La macabra scoperta è avvenuta dopo una telefonata al 911 (numero di emergenza) in cui si segnalava una automobile sospetta nei pressi del lago di Isles con tre persone ferite dentro, due dei quali sembravano bambini. Debra Denison, 47 anni, aveva il permesso della figlia di prendere i bambini da scuola, tuttavia soffriva di psicosi maniaco-depressiva. Secondo la ricostruzione della polizia, la donna è uscita armata da casa, ma non ha tradito alcuna agitazione quando è andata a prendere i suoi nipoti. «Tutto è sembrato normale - ha raccontato la proprietaria dell'asilo nido - e Debra era sulla lista delle persone autorizzate a prendere i bambini». Il piccolo di due anni la sera avrebbe dovuto festeggiare il compleanno.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 10:21:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Adamo Longo, 63 anni, ingegnere e consigliere comunale del Pdl nella città emiliana, e la mogle Carmela Burgio trovati morti.

IMOLA 27 Febbraio 2013 Giallo a Imola. I corpi senza vita di due coniugi - Adamo Longo, 63 anni, ingegnere e consigliere comunale del Pdl nella città emiliana, e Carmela Burgio - sono stati trovati nel pomeriggio dalla polizia nella loro abitazione in via Selice. Non sono al momento note le cause dei decessi. Un corpo è stato trovato su un divano, l'altro su un letto. Longo aveva partecipato venerdì sera a Imola alla cena di chiusura della campagna elettorale del Pdl, poi non era stato più visto.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 09:40:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Giovanni Evangelista, residente a Sarroch, è morto dopo essere stato investito da un’auto

CAGLIARI27 febbraio 2013 Gravissimo incidente stradale questa mattina lungo la strada Statale 195. Un ciclista di 67 anni, Giovanni Evangelista, residente a Sarroch, è morto dopo essere stato investito da un'auto. Secondo una prima ricostruzione, verso le 10.20, il ciclista che stava percorrendo la 195, una volta arrivato all'altezza di Pula sarebbe stato travolto da un'auto, finendo a terra. Immediata la richiesta di soccorsi e l'arrivo sul posto di un'ambulanza del 118 e dei carabinieri. Ma nonostante l'intervento tempestivo dei medici per il ciclista non c'è stato nulla da fare. Sul posto alcune pattuglie dei carabinieri, che stanno effettuando i rilievi per ricostruire la dinamica della tragedia.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 07:20:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Tragedia nei pressi di Luxor, nel sud dell’Egitto 21 turisti morti in una mongolfiera andata a fuoco

EGITTO 27 FEBBRAIO 2013 Tragedia nei pressi di Luxor, nel sud dell'Egitto, dove una mongolfiera con a bordo 21 turisti ha preso fuoco a 300 metri di altezza e si e' schiantata al suolo. Il bilancio e' di 19 morti, tra cui 9 cittadini di Hong Kong, due giapponesi, due francesi e tre britannici. Tra le vittime figura anche un egiziano, mentre i superstiti sono almeno due, il pilota e un turista britannico, che hanno avuto la freddezza di lanciarsi fuori dalla navicella poco prima dell'impatto sul terreno. Al Jazeera ha ottenuto un video amatoriale che mostra l'incidente in presa diretta. Immagini drammatiche. La mongolfiera della societa' turistica 'Sky Cruise' stava sorvolando da circa un'ora le rovine di Qusna, 500 chilometri a sud-est del Cairo, un'attrazione molto popolare tra i turisti stranieri, quando si e' incendiata e nel giro di pochi minuti si e' schiantata in fiamme sulla sponda occidentale del Nilo, costeggiata da folte piantagioni di canne da zucchero. In seguito all'incidente, il governatore della provincia di Luxor, Ezzat Saad, ha deciso di vietare completamente i voli in pallone, senza specificare per quanto tempo restera' in vigore la misura, mentre il premier egiziano Hisham Qandil ha ordinato un'inchiesta. "C'e' stata un botto assordante quando il pallone e' esploso", ha riferito un residente, mentre un altro ha parlato di "corpi avvolti dalle fiamme che cadevano fuori dalla mongolfiera". Il portavoce del ministero degli Esteri francese, Philippe Lalliot, ha confermato "la morte di due concittadini", mentre l'operatore britannico Thomas Cook ha riferito di tre vittime, senza tuttavia che la cifra venisse confermata da Londra. Da parte sua, l'agenzia turistica Kuoni di Hong Kong ha fatto sapere che ci sono "alte possibilita' che nove dei nostri clienti siano morti", specificando che si tratta di quattro uomini e cinque donne tra i 33 e i 62 anni.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 07:15:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Ida Truglia, 23 anni, è morta in un incidente stradale avvenuto a Firenze

FIRENZE 27 FEBBRAIO 2013 Ida Truglia, 23 anni, è morta in un incidente stradale avvenuto a Firenze. La giovane studentessa stava attraversando la strada a bordo di una bicicletta quando è stata travolta da una Bmw. La vittima sarebbe poi stata urtata anche da una secondo veicolo. A nulla è valso l'intervento degli operatori del 118.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 07:11:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] IN OSPEDALE PER UNA SETTIMANA SENZA PARTORIRE:BIMBO MUORE

SALERNO 27 febbraio 2013 Ci sono nove medici indagati all'ospedale di Battipaglia (Salerno) per la morte di un bambino nel grembo materno, soffocato dal cordone ombelicale nella giornata di sabato. Le indagini intendono chiarirse se la morte del bimbo mai nato sia attribuibile a negligenza medica e se il neonato poteva essere salvato tramite un intervento quando la gestante è arrivata in ospedale, il lunedì precedente. L'ipotesi di reato per i medici dell'ospedale e il ginecologo che ha seguito la donna è interruzione colposa di gravidanza. C'è da fare chiarezza su tutta la settimana di degenza, da lunedì 18 febbraio, quando la donna è arrivata in ospedale al termine della 41esima settimana di gravidanza, fino al sabato fatale. I medici avrebbero atteso per evitare un parto cesareo in favore di quello naturale. Nell'ultimo tracciato, venerdì sera, il bambino era ancora vivo, poi la giovane mamma ha cominciato ad avvertire forti dolori a cominciare dal sabato mattina.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 07:05:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] SPARATORIA IN UNA FABBRICA IN SVIZZERA

LUCERNA 27 febbraio 2013 Diverse persone sono rimaste uccise e altre gravemente ferite, di cui qualcuno in maniera grave in una sparatoria in un'azienda per la lavorazione del legno, la Kronospan, a Menznau, vicino la città di Lucerna. Sono almeno 5 i morti. Lo riferisce la Radio svizzera citando fonti di polizia.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/27/2013 07:02:00 AM

martedì 26 febbraio 2013

[ANGELI VOLATI VIA] Addio Albino Reale, veggente e stigmatizzato di Isola del Liri

Isola del Liri 26 Febbraio 2013 Era conosciuto da tante persone ed era diventato un uomo apprezzato e seguito da tutti. Questa mattina è venuto a mancare ai suoi cari ed alla comunità, il signor Albino Reale, veggente e stigmatizzato di Isola del Liri. Riportiamo il ricordo del gruppo di preghiera: "Conosciuto e seguito in tutto il mondo, ha sempre avuto un comportamento sobrio nei confronti del suo magnifico dono. Nasce da una famiglia povera, dopo la guerra diventa un umile operaio come molti suoi concittadini, lavorando in una storica cartiera della valle del Liri. Come la già nota Giuseppina del Bambin Gesu di Gallinaro,Albino Reali ha avuto una vita straordinaria, fatta di cose semplici, normali ed anche ad un certo punto della sua vita, quando ormai in pensione, fatta da misteri straordinari. Migliaia di persone hanno conosciuto in questi anni il veggente isolano ed hanno potuto testimoniare questa sua grande umiltà". I funerali si svolgeranno domani alle ore 10.00 presso la chiesa di S.Carlo ad Isola del Liri. Il rito sara' celebrato dal parroco Don Dante e dal suo padre spirituale Don Domenico Ferri. "Si è spento dopo una lunga agonia - prosegue il gruppo di preghiera - e come avvenne per Padre Pio le stigmate che lo hanno accompagnato con fasi alterne per quasi 30anni, si sono rimarginate pochi giorni prima della morte. Il gruppo invita quanti lo conobbero in vita a partecipare alle esequie".

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/26/2013 06:13:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] Felice Taverna 67 anni muore in Incidente stradale a Parabiago piazza Maggiolini

Torino 26 Febbraio 2013 Un uomo di 67 anni, Felice Taverna, è morto nella sera di martedì 26 febbraio a Parabiago, Nordmilano, dopo essere stato investito mentre attraversava le strisce. Lo riporta Legnano24. Secondo quanto è emerso da una prima ricostruzione, l'uomo sarebbe stato investito da un parabiaghese 35enne, B.G. Sbalzato di diversi metri sull'asfalto, ha riportato traumi su tutto il corpo, andando in arresto cardiaco. Ancora da accertare le cause del sinistro, avvenuto in piazza Maggiolini. Sul posto, oltre ai carabinieri per i rilievi, anche due ambulanze della Croce rossa e un'automedica del 118. Nonostante le condizioni fossero disperate, il 67enne con il massaggio cardiaco era stato rianimato; ma poi è spirato durante il trasporto all'ospedale di Legnano.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/26/2013 05:57:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] Una ragazza di 23 anni è stata travolta e uccisa da un'automobile, mentre percorreva in bicicletta viale Spartaco Lavagnini, a Firenze.

FIRENZE 26 Febbraio 2013 Ancora una giovane vita che si spegne sulla strada. Una ragazza di 23 anni è stata travolta e uccisa da un'automobile, mentre percorreva in bicicletta viale Spartaco Lavagnini, a Firenze. Il viale è stato chiuso dalla polizia municipale tra piazza della Libertà e la Fortezza da Basso e le auto fatte deviare nelle strade laterali. Rilievi da parte della polizia municipale e dei carabinieri sono in corso per stabilire l'esatta dinamica dell'incidente. Secondo una prima ricostruzione, la ragazza dopo essere stata travolta da un'auto, mentre attraversava il viale, è stata anche urtata da una moto sopraggiunta in quel momento. Un testimone racconta di aver visto la giovane passare col rosso. Pare avesse le cuffiette nelle orecchie.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/26/2013 05:29:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] Muore scialpinista di 66 anni Infarto sulle piste del Pora

Lo hanno trovato senza vita alcuni sciatori che stavano scendendo lungo le piste del Monte Pora. Uno scialpinista di 66 anni è stato stroncato, probabilmente da un infarto, nel pomeriggio di martedì 26 febbraio. Era a circa 200 metri dal limite delle piste, sulla neve non battuta. L'allarme è scattato intorno alle 17: gli sciatori hanno chiamato i soccorsi perché l'uomo, che indossava ancora gli sci e tutta l'attrezzatura, non dava segni di vita. Era riverso nella neve. Sul posto sono accorsi gli uomini del gruppo Sci Monte Pora, corpo Volontari Presolana, e quelli del Soccorso alpino. Constatato il decesso, sono stati avvertiti dell'accaduto anche i carabinieri per gli accertamenti necessari per legge. Secondo quanto è stato possibile ricostruire, lo scialpinista aveva affrontato la salita in fuoripista da solo. Non era lontano dalla zona frequentata dagli sciatori quando si è accasciato. Impossibile al momento stabilire l'ora precisa del decesso. Il 66enne sarebbe residente in Bergamasca.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/26/2013 11:56:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Marco Manca, di 44 anni, di Porto Torres è morto annegato a poca distanza dal porto

PORTO TORRES.26 Febbraio 2013 Un ricciaio è morto nelle acque antistanti Porto Torres. L'uomo, Marco Manca, di 44 anni, di Porto Torres aveva deciso oggi di effettuare, assieme ad un amico, una raccolta poco distante dal porto. Si è quindi immerso con la bombola ma dopo qualche tempo il compagno non vedendolo riemergere ha dato l'allarme. Sono scattati i soccorsi e alcuni pescatori hanno notato il corpo privo di vita su un fondale di pochi metri. Sul luogo sono intervenuti anche i militari della Capitaneria di porto.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/26/2013 10:42:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Tragedia in Egitto: esplode mongolfiera 19 turisti morti

Diciannove turisti stranieri sono morti dopo l'esplosione in volo di una mongolfiera a Luxor, in Egitto. Due i superstiti, rimasti feriti e trasportati in ospedale, sono un britannico e il pilota, mentre le vittime sono nove cittadini di Hong Kong, tre britannici, due francesi, quattro giapponesi e una donna egiziana. Inizialmente le vittime erano 18, poi uno dei turisti britannici è morto in ospedale. Resta invece in gravi condizioni in pilota del pallone aerostatico. "Si lanciavano dalla mongolfiera come sacchettini di carta in fiamme". Queste le parole del racconto del pilota di una mongolfiera che stava atterrando accanto a quella esplosa. Secondo la fonte le due mongolfiere appartengono alla stessa agenzia, una delle tante che opera in questo settore. L'incidente, a suo parere, è avvenuto quando il gas contenuto nella bombola per creare il flusso di aria calda è fuoriuscito, incendiandosi. La situazione per i soccorritori si è ulteriormente aggravata perché i resti della mongolfiera in fiamme sono atterrati su campi di canna di zucchero che a loro volta hanno preso fuoco. I cadaveri di tredici dei turisti sono stati trovati e portati nel principale ospedale della città, secondo cui le ricerche dei resti delle altre vittime sono ancora in corso su una vasta zona di campi di canna da zucchero. A bordo, hanno segnalato le stesse fonti, il numero massimo consentito di passeggeri è di venti.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/26/2013 09:09:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Marco Flavio Sieve 34 anni di Rivoli muore in un incidente in moto

TORINO 26 Febbraio 2013 Incidente mortale nel torinese. Un 34enne di Rivoli, Marco Flavio Sieve, è morto ieri sera in un incidente con il suo scooter a Torino. Secondo una prima ricostruzione l'uomo, per motivi da accertare, ha perso il controllo del motorino nel tratto discendente di corso Regina Margherita, cadendo a terra e terminando la sua caduta contro un palo della segnaletica stradale. Il 34enne è morto poco dopo l'arrivo in ospedale. Al momento risulta l'unico protagonista dell'incidente. La Squadra infortunistica della Polizia Municipale Torino, intervenuta sul posto, è alla ricerca di testimoni al fine di accertare la dinamica dei fatti.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/26/2013 08:19:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Cristiano Dalla Zanna, fulminato a 44 anni da un infarto nel bagno della sua abitazione di vicolo Sambughé a Camalò di Povegliano

TREVISO 26 Febbraio 2013 Lo ricorderanno come l'amico di tutti. Cristiano Dalla Zanna, fulminato a 44 anni da un infarto nel bagno della sua abitazione di vicolo Sambughé a Camalò di Povegliano, lascia dietro di sé l'immagine di una persona di buon cuore, sempre pronta ad aiutare gli altri. Lo attesta lo stuolo di amici che hanno accolto con profondo dolore la notizia della sua improvvisa scomparsa. Era stato forse l'effetto di un condizionatore, rimasto acceso nel bagno, a trarre inizialmente in inganno sull'indicazione del momento del decesso. Che non risaliva a qualche giorno prima, bensì a sabato sera. In quella stessa giornata si era visto con gli amici. Ma domenica a far pensare che fosse accaduto qualcosa era stato un condomino per via dell'acqua che sentiva scorrere da ore. L'ARRIVO DI UN AMICO Ad aprire la porta dell'appartamento è stato l'amico Gianni Zarbo, che aveva le chiavi. Ciò ha consentito di constatare l'accaduto. «Era l'angelo di via Sambughé, la bontà in persona cui tutti si appoggiavano», sottolinea Luca Salvagno, altro amico fraterno cui Cristiano aveva fatto da testimone di nozze, profondamente toccato dal dramma. Anche lui era accorso nell'abitazione. Sposato, padre di una ragazza di 16 anni, dipendente della "Sintesi", impresa stradale, Cristiano veniva da famiglia originaria di Postioma. Resta l'immagine dei suoi interessi sportivi - era gran tifoso della Juventus - e della passione per la moto. Un durissimo colpo la sua scomparsa per la mamma Teresa, e i fratelli Attilio, Chiara e Marisa. I funerali si terranno a Postioma, anche se la data non è ancora stata fissata.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/26/2013 08:06:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Michele Di Stefano, è stato trovato morto dentro la canonica. Il sacerdote, originario di Calatafimi (Tp), sarebbe stato ucciso con un colpo alla testa

TRAPANI 26 Febbraio 2013 Il parroco della canonica di Ummari, frazione di Trapani, Michele Di Stefano, è stato trovato morto dentro la canonica. Il sacerdote, originario di Calatafimi (Tp), sarebbe stato ucciso con un colpo alla testa, secondo i carabinieri che sono nella chiesa in attesa del magistrato e del medico legale. Secondo quanto si apprende da fonti investigative, l'abitazione del parroco non è stata messa a soqquadro da chi lo ha colpito, nè ci sono segni di effrazione sulle porte d'ingresso alla canonica. Don Di Stefano è stato colpito con un qualcosa che gli ha provocato una ferita lacero-contusa alla testa.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/26/2013 07:56:00 AM

lunedì 25 febbraio 2013

[ANGELI VOLATI VIA] Michele Massari 34 anni, muore in un incidente sul lungomare, all’altezza di piazza Diaz, di fronte alla rotonda. Era alla guida di una Honda 1100

BARI 26 Febbraio 2013 Un motociclista di 34 anni, Michele Massari, del quartiere Madonnella, è morto domenica sera sul lungomare, all'altezza di piazza Diaz, di fronte alla rotonda. Era alla guida di una Honda 1100 che è andata a schiantarsi contro una Renault Clio parcheggiata. Il giovane, nonostante indossasse il casco, è deceduto sul colpo. La sua potente motocicletta, dopo l'impatto, ha continuato la corsa sull'asfalto perdendo la forcella che come una scheggia impazzita ha colpito due giovani fermi sul marciapiede nei pressi di una paninoteca ambulante. Entrambi sono stati soccorsi da una ambulanza del 118 e trasportati in ospedale. Uno dei due sarebbe in gravi condizioni. Sul posto è intervenuta la polizia municipale che dovrà accertare le cause dell'ennesima tragedia della strada.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/25/2013 05:38:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] Addio al caporale Erasmo Savino, denunciò i vaccini che uccidevano i militari


Si è spento nella mattinata il militare che aveva deposto davanti alla Commissione "Uranio impoverito" del Senato. La sua storia, dalla quale è partita l'inchiesta di Repubblica.it "Vaccinati a morte", aveva indirizzato il Parlamento a indagare il rapporto tra le vaccinazioni sbagliate e il crescente numero di malattie nell'esercito

ROMA - "Ce la farò perché mi voglio sposare - diceva - anche se so che è una malattia di cui si muore". Poi la sua rabbia di lavoratore semplice "mi hanno usato e abbandonato". Erasmo Savino, 31 anni, caporale maggiore dell'esercito in Kosovo, si è spento questa mattina alle 8.15, dopo quindici anni di servizio, una malattia fulminea, nessun riconoscimento come vittima del dovere, addirittura neanche la semplice liquidazione.

Il cancro era partito da un dito del piede, aveva covato sotto semplici scarponi. Era partito a ventinove anni, da un paese senza lavoro ed era stato mandato a scavare in Kosovo, nella terra avvelenata dall'uranio impoverito, con le difese demolite da una raffica di vaccini troppo ravvicinati quando non si poteva dire di no. Lo stipendio o la salute.

Erasmo aveva deposto davanti alla Commissione "Uranio impoverito" del Senato e dalla sua storia era partita l'inchiesta "Vaccinati a morte" di Repubblica.it. Un'indagine che ha approfondito il legame tra le vaccinazioni fatte male e il crescente numero di malattie che colpiscono i nostri militari.

GUARDA IL VIDEO DELL'INTERVISTA

Nella sua casa di Saviano, in provincia di Nola, il fratello Cosimo di 36 anni risponde al telefono, avvisa i parenti.
Il resto della famiglia è raggomitolato su se stesso. Muta nel suo dolore Giulia, la fidanzata di 29 anni, che aveva lasciato il lavoro per seguirlo nelle cure disperate mentre lo vedeva spegnersi. Aveva riposto il sogno di una bella festa perché Erasmo quando aveva scoperto la malattia stava per sposarla. In un angolo cataste di documenti e di perizie mediche che dimostrano la connessione tra il suo cancro e i vaccini somministrati male.

Il funerale è previsto per domani (martedì) alle 11 nella chiesa dell'Immacolata. Si preparano ad andare un fiume di parenti, amici, venti-trentenni di un paese in cui un lavoro vale come una vita. Le istituzioni no, quelle non ci saranno. Le stesse che avrebbero dovuto pronunciarsi entro 220 giorni, ma che dopo più di due anni non hanno risposto.

Giorgio Carta, l'avvocato del caporale, ha la voce rotta: "È il giorno più triste della mia professione, Erasmo non è il primo, non sarà l'ultimo. Dobbiamo far sì che i responsabili di questa strage silenziosa rispondano di azioni e di omissioni".

fonte: http://inchieste.repubblica.it


--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/25/2013 12:36:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] Cristiano Dalla Zanna, operaio di 44 anni originario di Treviso, è stato trovato morto in vasca da bagno:per tre giorni nessuno se ne accorge

TREVISO 25 Febbraio 2013 L'ininterrotto rumore dello scroscio dell'acqua che va e lui, morto, nella vasca da bagno. Da ben tre giorni. Cristiano Dalla Zanna, operaio di 44 anni originario di Treviso, è stato trovato così: riverso nella vasca, nel bagno di casa sua. Dai primi accertamenti è stato ucciso da un malore. Pare che da giorni l'uomo non rispondesse alle chiamate. Viveva solo in un appartamento al piano terra di vicolo Sambughè, al civico 4/4 a Camalò di Povegliano (Treviso). Tutti lo conoscevano, ma era solo il contatto fugace col vicino di casa che si vede passare e del quale si sa o conosce poco e con cui magari nemmeno ci si è mai intrattenuti a parlare. La gente del posto è stata messa in allarme ieri pomeriggio dall'arrivo dell'elicottero del 118, dell'ambulanza e dei carabinieri. Poi, intuito quello che poteva essere accaduto, le persone si sono ritratte un po' intimorite: «Sì abitava qui, l'avrò incontrato forse un paio di volte. So che era separato e viveva da solo», si è limitata a dire una donna che risiede qualche numero civico più in là. «Da noi si sistema tanta gente che non è di qua: credo che anche lui venisse da fuori», ha spiegato un altro. Un condomino ha tagliato corto un po' seccato: «Non so nulla. Eppoi sono appena rientrato». Per farsi strada all'interno della casa dell'operaio non c'è stato bisogno dell'intervento dei vigili del fuoco, come capita spesso in casi analoghi. Quel che poteva essere accaduto è apparso comunque subito chiaro ai carabinieri dell'Arma, sopraggiunti per accertare le cause del decesso. L'operaio si stava facendo il bagno, giorni fa, quando un improvviso malore non gli ha dato scampo, inchiodandolo nella posizione in cui è stato poi rinvenuto cadavere. L'accertamento medico effettuato ha stabilito che la morte è stata determinata da un infarto. E mano a mano che all'interno della casa si completavano i rilievi, all'esterno dell'abitazione si formava un capannello di persone incuriosite. Molti cercavano informazioni per capire quello che era effettivamente successo. Incessante il mormorio, continui i commenti. Qualcuno forse Dalla Zanna lo conosceva meglio di quanto non volesse far intendere, altri sostavano per semplice curiosità. Ma le bocche erano cucite davanti a qualsiasi possibile domanda, con questa o quella scusa. È stato così fino all'arrivo del trasporto funebre, che ha provveduto a prelevare la salma e a chiudere i possibili commenti. Ormai tutto si era compiuto. E il triste sipario in vicolo Sambughè si chiudeva con calar della sera.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/25/2013 12:20:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] Addio Stefano Virgili 19 anni viveva con la famiglia in Viale Verdi a Merate.

Stefano Virgili viveva con la famiglia in Viale Verdi a Merate. A settembre avrebbe compiuto vent'anni. Spensierati, belli, carichi di sogni e speranze. Che come un lampo hanno brillato e si sono spenti.
Dopo aver frequentato il Villoresi si era iscritto alla facoltà di Ingegneria di Milano e aveva coltivato tante, tantissime amicizie sia nell'ambito scolastico che in quello calcistico, sua grande passione.
Di ritorno con tre amici da una serata trascorsa a Monza, Stefano ha trovato la morte lungo la 342dir. L'auto che sbanda improvvisa, l'impatto devastante, le lamiere che stritolano i giovani corpi e l'inutile disperata corsa in ospedale.

La notizia ha fatto ben presto il giro degli amici e il tam-tam sui social network, dove la frase che aveva scelto per rappresentarsi era "everyone has limits - everyone accepst them" (ciascuno di noi ha dei limiti e ciascuno li accetti), si fa di minuto in minuto più incalzante.

Messaggi di dolore, ricordi, dichiarazioni di affetto e di ringraziamento per quello che è stato.

Federico Bic Pennati Belluschi ha pubblicato qualcosa sulla bacheca Stefano Virgili
18 secondi fa tramite cellulare
ciao ste mi mancherai.un casino

Alessandra Toniolo ha pubblicato qualcosa sullaStefano Virgili
11 minuti fa nei pressi di Agrate tramite cellulare
E io che sono entrata ad ingegneria grazie a te.. La farò per tutti e due, te lo devo, te lo prometto.
Sono vicina a tutta la famiglia e a te, Allegra..
Ciao Ste..

Carlo Giuseppe Galbiati ha pubblicato qualcosa sullaStefano Virgili
15 minuti fa tramite cellulare
Caro Stefano, oggi sei entrato nella vita di eternità, mentre nella liturgia la chiesa cattolica medita il vangelo della trasfigurazione di Gesù. Sono sicuro che sono venuti tanti santi a prenderti e ad accompagnarti. Qui intanto a rendere più dolce il tuo sonno e' venuta la neve, delicata come te.

Alessandro Lanzanova ha pubblicato qualcosa sullaStefano Virgili
17 minuti fa tramite cellulare
Ciao Ste sono molto dispiaciuto per quello è successo ci conoscevamo poco ma subito ho capito che eri una bella persona simpatico e sempre disposto ad ascoltare e dare consigli agli altri. Non dimenticherò mai le vacanze passate insieme. Ciao Stefano

Giorgio Andrea Federico Pautrie ha pubblicato qualcosa sullaStefano Virgili
18 minuti fa
le persone speciali, con un qualcosa in più, oltre a dimostrarlo quando conta davvero, le riconosci dalle piccole cose... ad esempio quando uno si inventa un compleanno finto su facebook, si trova davanti due tipi di persone normali: quelle che gli danno del pirla, e quelli che ci ridono, e gli danno del pirla... la persona speciale sà che non è davvero il tuo compleanno, ma ti fa il regalo. Un regalo che rappresenta un pò quello che eri tu: A BEAUTIFUL MIND!

Eri destinato a diventare un GRANDE, un grande per davvero. forse troppo grande per questo mondo... CIAO STE


Marco Frigerio ha pubblicato qualcosa sullaStefano Virgili
33 minuti fa
tanti anni insieme a fare gli asini negli spogliatoi, a giocarci il posto in campo, a insultarci, a esultare insieme, a pigliarci per il culo per le ostiate per gli infortuni...a lottare insieme nelle partite dure a ridere e scherzare per i numeri in allenamento
mancherai ste ad amici parenti compagni di scuola e a qualcunque persona ti abbia conosciuto
CIAO RONNIE

Federico Arlati ha pubblicato qualcosa sullaStefano Virgili
37 minuti fa nei pressi di Osnago tramite cellulare
Ehi virgi..sono davvero senza parole..quanti ricordi insieme tra campionati e tornei..quante emozioni che abbiamo condiviso con la nostra maglia gialloblù..sono vicino a Piero e a tutta la tua famiglia..ciao roccia!

Edoardo Franco Rocca ha pubblicato qualcosa sullaStefano Virgili
43 minuti fa nei pressi di Merate tramite cellulare
Io comunque mercoledì ti aspetto, con la pala e la palla.
Ci vediamo al campetto, ore 15.
Ciao Ste

Martina Riva ha pubblicato qualcosa sulla bacheca Stefano Virgili
4 minuti fa nei pressi di Cornate tramite cellulare
Ciao Stefano. Noi non ci vediamo ne sentiamo da più o meno 6 anni, da quando hai finito la terza media ed io ero in prima. Non ci siamo mai parlati tanto, non ti conoscevo bene come un'amica, ma sapevo che eri una bella e buona persona e non meritavi di lasciarci. Continuo a piangere sperando che non sia vero, non riesco a realizzare che sia successo... addio Stefano. Ti ricorderò con dolcezza e simpatia.

Roberto De Gasperin ha pubblicato qualcosa sulla bacheca Stefano Virgili
8 minuti fa tramite BlackBerry Smartphones App
Non ho parole per commentare quanto e' successo. Quando ne sono venuto a conoscenza non ci volevo credere. La mancanza di una persona fa' sempre male, specialmente quando l'hai conosciuta e ci hai passato anche del tempo insieme .CIAO STE... ti ricordero' sempre Dega

Nicolas Manzoni ha pubblicato qualcosa sulla bacheca Stefano Virgili
31 minuti fa
ciao virgi,abbiamo giocato insieme e condiviso momenti di sofferenza e di gioia per due anni,ma questo poco tempo è bastato per conoscere la persona che eri,sempre allegra e sorridente ,onesta,disposto a tutto.in campo eri un guerriero e ora per colpa di una tragedia non ci sei più...grazie di tutto,ci mancherai campione

Nicholas Stucchi ha pubblicato qualcosa sulla bacheca Stefano Virgili
13 minuti fa nei pressi di Camparada tramite cellulare
Ciao ste..tireremo ancora 4 calci ad un pallone lassù un giorno..arrivederci bello..ti porteró sempre dentro..

Alessandro Savoldi Bellavitis ha pubblicato qualcosa sulla bacheca Stefano Virgili
50 minuti fa nei pressi di Milano
Ciao Ste,
ho appena saputo la notizia.. non riesco a smettere di piangere non è possibile.. queste tragedie succedono sempre ai migliori, in nome di tutte le risate, tutte le serate insieme, tutto quello che abbiamo passato, ti dico GRAZIE, grazie di cuore sei sempre stato un buon amico d'esempio per tutti. Sono sicuro che ora, come sempre hai fatto, stai sorridendo con quei sorrisi contagiosi che ti hanno sempre contraddistinto. Non ti scorderemo facilmente, te lo giuro, ti mando l'abbraccio più sincero e affettuoso. Sei il migliore, arrivederci
Ale

Gianluca Lana ha pubblicato qualcosa sulla bacheca Stefano Virgili
circa un'ora fa nei pressi di Merate tramite cellulare
Stamattina mi ha svegliato mia mamma e mi ha raccontato di uno Stefano V. che stanotte ha fatto un incidente, immediatamente ho aperto Facebook e ho avuto l'amara conferma che eri tu...non siamo mai stati grandi amici e abbiamo anche avuto delle discussioni, d'altronde non si può andare tutti d'accordo però venire a conoscenza di questi episodi sconvolge sempre...ti saluto ste, riposa in pace... :( sentite condoglianze ai famigliari :(

Emanuele Militi ha pubblicato qualcosa sulla bacheca Stefano Virgili
2 ore fa nei pressi di Camparada tramite cellulare
Non ci posso credere, un anno fa eravamo sul campo insieme, ogni partita era una battaglia e noi con le stesse scarpe, con il nastro colorato per distinguerci dagli altri, con le nostre esultanze strane riuscivamo a divertirci sempre e da li era nata una grande amicizia! Non ti dimenticherò mai Ste, sei sempre stato un grande! Mi mancherai ♥

Roberto Villa ha pubblicato qualcosa sullaStefano Virgili
2 ore fa
Ciao Virgi,
la nostra amicizia è nata nel modo più bello e divertente che ci sia, tirando quattro calci a quel tanto amato pallone che ci emoziona e ci fa sognare. Purtroppo essendo di "annate" diverse, abbiamo potuto lottare e vincere assieme solo per un anno. Ma sono stati comunque momenti di grande gioia, dove ho potuto conoscerti e apprezzarti per quello che sei. Un amico leale e sincero, rispettoso nei confronti altrui e sempre pronto a "dare una mano", fuori e dentro dal campo. La tua persona rispecchia in ogni parte la bontà e la disponibilità di tuo papà, il grande Piero. Anche lui da dirigente ha partecipato e condiviso con noi momenti di sofferenza e di soddisfazione.
Sono orgoglioso di averti conosciuto. Ciao Grandissimo!
Roby


Giovanna Gio-Giòò ha pubblicato qualcosa sulla bacheca Stefano Virgili
2 ore fa tramite cellulare
Ciao Ste piccolo grande uomo ti eri appena affacciato a questa vita e ora sei volato via... ci manchi!!!



--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/25/2013 09:33:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Angela Sardone 45enne altamurana, a bordo di una Opel "Corsa" e in compagnia della figlia 12enne ha perso il controllo dell'auto e ha impattato frontalmente contro una Mercedes "Classe A"“

Bari 24 febbraio 2013 Angela Sardone Incidente mortale questa mattina sulla Altamura- Cassano delle Murge, al Km 11.500 a poca distanza dalla Foresta Mercadante. Ha perso la vita Angela Sardone, 45enne altamurana. La donna stava accompagnando sua figlia di 12 anni a Cassano delle Murge dove avrebbe partecipato ad una competizione sportiva con la "Atletica Futura". Dietro di loro c'erano anche le auto del mister della squadra con altri cadetti. Secondo la prima ricostruzione dei fatti, la donna avrebbe sviato repentinamente per schivare un tronco d'albero caduto in strada. Ma ha invaso la corsia opposta e ha impattato frontalmente con una Mercedes "Classe A" con a bordo Maria Giulia Bottalico, Dirigente dell'ufficio Servizi Sociali del Comune di Altamura. La mamma non ce l'ha fatta, è morta sul colpo, mentre la sua bambina è stata ricoverata d'urgenza presso l'ospedale "Miulli" di Acquaviva delle Fonti. La donna proveniente dalla corsia opposta è stata trasportata con urgenza all'ospedale cittadino "Umberto I". I cadetti della "Atletica Futura" sono rimasti feriti ma non sono in pericolo di vita. E' ferito anche il conducente a bordo di una Alfa "159" che al momento dell'incidente seguiva l'auto di Maria Giulia Bottalico e non è riuscito a frenare in tempo. Sul posto i Vigili del Fuoco, Polstrada e 118.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/25/2013 08:50:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] COPPIA DI GIOVANI TROVATA MORTA IN AUTO A TORPIGNATTARA

ROMA 25 Febbraio 2013 È giallo sulla morte di due ragazzi trovati alla periferia della Capitale. I cadaveri di due ragazzi, di 31 e 25 anni, sono stati trovati in un'auto parcheggiata in un box nel quartiere di Torpignattara, a Roma. La macabra scoperta è stata fatta verso le 14.30. Sui corpi, rinvenuti nudi e uno sull'altro, non ci sarebbero segni di violenza. Secondo i primi accertamenti dei sanitari intervenuti sul posto, la morte potrebbe essere arrivata per intossicazione da monossido di carbonio. La vettura comunque, al momento del ritrovamento, era chiusa dall'interno e spenta. Sul posto il 118 e gli agenti del commissariato di Porta Maggiore.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/25/2013 08:34:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Antonio Lecce, 34 anni, ha perso la vita dopo esseresi schiantato contro un albero

NAPOLI 25 Febbraio 2013 È morto nel napoletano dopo aver perso il controllo della sua vettura. Si tratta di Antonio Lecce, 34 anni, che ha perso la vita dopo esseresi schiantato contro un albero. Nell'impatto è stato sbalzato fuori dall'abitacolo, ed è deceduto sul colpo. A nulla sono serviti i soccorsi accorsi immediatamente sul luogo dell'incidente.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/25/2013 07:58:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] TREVISO, MUORE NELLA VASCA DA BAGNO:Cristiano Dalla Zanna, operaio di 44 anni

TREVISO 25 febbraio 2013 Da tre giorni era riverso nella vasca del bagno di casa sua, non rispondeva alle telefonate e nessuno si è accorto della sua morte perché Cristiano Dalla Zanna, operaio di 44 anni originario di Treviso, viveva da solo in un appartamento al piano terra. Il suo corpo senza vita è stato trovato a tre giorni dalla morte, forse per un malore. Per farsi strada all'interno della casa dell'operaio non c'è stato bisogno dell'intervento dei vigili del fuoco, come capita spesso in casi analoghi. L'operaio si stava facendo il bagno, giorni fa, quando un improvviso malore non gli ha dato scampo, inchiodandolo nella posizione in cui è stato poi rinvenuto cadavere. L'accertamento medico effettuato ha stabilito che la morte è stata determinata da un infarto.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/25/2013 07:09:00 AM

domenica 24 febbraio 2013

[ANGELI VOLATI VIA] Addio Wolfgang Sawallisch Il direttore d'orchestra tedesco si è spento a Monaco all'età di 89 anni

È morto a Monaco di Baviera, all'età di 89 anni, il grande direttore d'orchestra e pianista tedesco Wolfgang Sawallisch, tra i massimi interpreti della musica di Wagner e Strauss. L'annuncio è stato dato ieri dalla Staatsoper di Monaco, di cui Sawallisch è stato direttore, ma la morte risale a venerdì. Nato a Monaco di Baviera il 26 agosto 1923, dopo aver studiato pianoforte con Wolfgang Ruoff e composizione con Hans Sachsse, Sawallisch si è perfezionato con Joseph Haas e Walter Georgi alla Hochschule fur Musik di Monaco, diplomandosi nel 1946. Allievo per la direzione di Hand Rosbaud, è stato dapprima sostituto (1947), poi (dal 1950) direttore stabile allo Stadttheater di Augusta. Perfezionatosi poi con Igor Markevic, si è quindi affermato in campo internazionale. Direttore stabile dei Wiener Symphoniker (1960-70) e del Philharmonisches Staatsorchester di Amburgo (1960-73), dal 1971 al 1992 Sawallisch è stato direttore artistico della Staatsoper di Monaco (Opera di Stato della Baviera), ente lirico di cui è stato direttore generale dal 1982 al 1993. È stato anche direttore artistico della Philadelphia Orchestra (dal 1993 al 2003, succedendo a Riccardo Muti). Accademico onorario di Santa Cecilia dal 1968, di cui ha diretto anche l'Orchestra, Sawallisch si è affermato nell'ultimo mezzo secolo come un assoluto punto di riferimento per le interpretazioni delle opere di Wagner e Strauss ed eccellenti sono state le sue «letture» di Beethoven, Mozart e Bruckner. Nel 2006, a seguito di seri problemi di salute, annunciò il suo ritiro dall'attività di direttore d'orchestra.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 11:35:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Antonio Croveris ha ucciso la moglie Giuseppina Saverino e poi si è tolto la vita

TORINO 20 Febbraio 2013 Tragedia della disperazione oggi in un appartamento di San Mauro Torinese, nella prima cintura del capoluogo piemontese, in un piccolo appartamento al piano rialzato di una casa in una strada periferica. Antonio Croveris, 85 anni, ha scelto una gelida giornata d'inverno e di neve per mettere fine all'esistenza della moglie Giuseppina Saverino, 81 anni, da tempo affetta da una grave forma di demenza senile, e poi alla propria. L'uomo ormai non sopportava più la condizione di non autosufficienza della consorte, che necessitava di essere seguita tutto il giorno, e aveva paura che, visto l'avanzare dell'età anche per lui, non avrebbe più potuto starle vicino. Così, ha aspettato che la badante, una donna italiana, preparasse loro il pranzo e uscisse di casa, intorno alle 13, con l'impegno di rientrare qualche ora dopo. Poi ha coperto la moglie con una coperta per tenerla al caldo e le ha reciso i polsi con un coltello. Disperato, ha cercato di fare la stessa cosa su se stesso, ma non ci è riuscito. A quel punto, ha staccato un tubo della cucina a gas e se lo è infilato in bocca. La donna, che non ha avuto neanche la forza di reagire, è morta per dissanguamento, lui per le inalazioni velenose. Quando la badante, intorno alle 16,30, è rientrata nell' appartamento, si è trovata davanti uno scenario raccapricciante. Lui era disteso, prono, sul pavimento dell' ingresso dell'appartamento, lei era a letto in un lago di sangue. L'assistente domiciliare, a quel punto, ha chiamato i due figli della coppia e i carabinieri. Sul posto è poi intervenuto il medico legale, che ha confermato la ricostruzione e gli orari dei decessi. Il pm Vito Destito, a cui è stato affidato il coordinamento delle indagini, ha autorizzato la rimozione dei cadaveri. È stato poi il figlio Michele, 45 anni, a raccontare ai militari nella caserma di San Mauro, dove è arrivata anche sua sorella e dove era stata portata la badante in stato di choc, la storia di disperazione del padre, che non ce la faceva più ad andare avanti con la moglie in quelle condizioni e con sempre meno energie per sostenere la situazione.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 11:16:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Stefano Virgili 19 anni muore in un incidente per il maltempo nel lecchese

LECCO 24 Febbraio 2013 Tragico incidente per il maltempo nel lecchese. Un Nuova consistente nevicata anche su tutto il territorio della provincia di Lecco con i suoi 90 comuni. Dalle prime ora di stamani i fiocchi sono tornati a imbiancare anche tutte le zone di pianura e purtroppo nella notte si è verificato anche un incidente mortale, sulla cui dinamica sembrano aver influito anche le condizioni della strada già scivolosa. L'INCIDENTE L'incidente è avvenuto a Cernusco Lombardone (Lecco) e la vittima, Stefano Virgili, è un ragazzo di 19 anni di Merate (Lecco). Il giovane era alla guida di una Peugeot con a bordo 3 amici quando l'auto ha sbandato finendo contro una Bmw a sua volta tamponata da una Porsche Cayenne. Il 19enne è morto mentre i 3 amici sono rimasti feriti ma le loro condizioni non sono gravi. Attualmente la circolazione stradale è rallentata e difficoltosa in tutte le zone collinari e di montagna.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 08:08:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Gerard Damiani, sciatore di 39 anni di Napoli, travolto e ucciso da una valanga che si e' staccata dalle montagne di Roccaraso, in provincia de L'Aquila.

L'AQUILA 24 Febbraio 2013 Dopo qualche ora di ricerca sotto la neve, è stato ritrovato senza vita il corpo di Gerard Damiani, sciatore di 39 anni di Napoli, travolto e ucciso da una valanga che si e' staccata nel primo pomeriggio dalle montagne di Roccaraso, in provincia de L'Aquila. Secondo il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico abruzzese (Cnsas), intervenuto a Roccaraso (L'Aquila) nel comprensorio sciistico dell'Aremogna con un'unità cinofila, tecnici del soccorso alpino della Guardia di Finanza (Sagf) e della Polizia - lo sciatore è uscito dalla pista segnata e, dopo avere fatto un paio di curve il pendio nevoso sotto i suoi piedi si è staccato, travolgendolo e portandolo a valle. Il compagno è sceso alla base degli impianti di risalita ed ha dato l'allarme. Dall'aeroporto di Preturo (L'Aquila) è arrivato l'elicottero del SUEM, il servizio medico di urgenza ed emergenza medica del 118, con lo staff sanitario e il tecnico di elisoccorso del Cnsas. Lo sciatore dopo essere stato travolto dalla valanga sarebbe stato espulso dalla massa nevosa, finendo ad una decina di metri dalla zona di accumulo.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 09:38:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Bimba di 1 anno è caduta nel Tevere mentre giocava sulle sponde "È MORTA, I SUOI ORGANI SARANNO DONATI"

ROMA 24 Febbraio 2013 È caduta nel Tevere mentre giocava sulle sponde dove al sua famiglia ha una baracca di fortuna. Una bimba rom di 14 mesi non ce l'ha fatta ed è morta dopo il ricovero in condizioni gravissime al San Camillo. La disgrazia è avvenuta giovedì sera sotto ponte Testaccio. La piccola ha subito un arresto cardiaco. A soccorrere la piccola il padre, romeno, come al madre. I due non si erano accorti che la bimba si era spinta fin sulle rive del fiume. DONATI I SUOI ORGANI "La morte di una bimba di 14 mesi è una notizia straziante che ci riempie di dolore e per la quale desidero rivolgere, a nome dell'amministrazione capitolina, sentite condoglianze ai genitori". È quanto dichiara in una nota il vice sindaco di Roma Capitale, Sveva Belviso, in merito alla morte di una bimba rom caduta nel Tevere giovedì scorso. "In un dramma così profondo - continua Belviso - è davvero encomiabile il gesto di sensibilità e di solidarietà compiuto dai genitori della piccola che hanno deciso di donare i suoi organi compiendo un profondo atto d'amore verso il prossimo. Grazie a questo gesto - conclude Belviso - per altri bambini e per altre famiglie ci potrà essere una nuova speranza di vita".

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 09:32:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Stefano Virgili 19 anni muore in un incidente per il maltempo nel lecchese

LECCO 24 Febbraio 2013 Tragico incidente per il maltempo nel lecchese. Un Nuova consistente nevicata anche su tutto il territorio della provincia di Lecco con i suoi 90 comuni. Dalle prime ora di stamani i fiocchi sono tornati a imbiancare anche tutte le zone di pianura e purtroppo nella notte si è verificato anche un incidente mortale, sulla cui dinamica sembrano aver influito anche le condizioni della strada già scivolosa. L'INCIDENTE L'incidente è avvenuto a Cernusco Lombardone (Lecco) e la vittima, Stefano Virgili, è un ragazzo di 19 anni di Merate (Lecco). Il giovane era alla guida di una Peugeot con a bordo 3 amici quando l'auto ha sbandato finendo contro una Bmw a sua volta tamponata da una Porsche Cayenne. Il 19enne è morto mentre i 3 amici sono rimasti feriti ma le loro condizioni non sono gravi. Attualmente la circolazione stradale è rallentata e difficoltosa in tutte le zone collinari e di montagna.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 08:08:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Addio Ciro De Martino nel suo bar si incontrava il mondo

Salerno 23 Febbraio 2013 Lo abbiamo saputo poco fa con un messaggio al quale neanche credevamo. E' morto Ciro De Martino, il proprietario dell'omonimo bar in Via Pasitea (dove ora si trova il Cafè Positano) che era considerato il "buen ritiro" di artisti, scrittori, intellettuali. Il "mondo" della cultura e i veri "aficionados" della perla della costiera amalfitana si "riconoscevano" in questo posto dove il tempo scorreva con i ritmi lenti tipici di quell'atmosfera di luoghi senza tempo del Mediterraneo . Qui ti capitava di incontrare il grande uomo di spettacolo, come il poeta Gregory Corso (nella foto) o artisti come Ibrahim Kodra e non solo. Potevi allungarti dalla movida della spiaggia grande, allora frequentatissima per il by night, inerpicarti per "La Scalinatella" e bevendo un gin tonic il tempo passava chiacchierando fino all'alba, fra avventure e ammiccamenti, riflessioni o discussioni, una suonata di chitarra e due risate, quando Ciro ti sfornava i cornetti caldi e, senza lamentarsi mai di una presenza oltre il termine massimo di tolleranza comune, li potevi gustare al sorgere del sole . . Ricordo quando mi raccontò dei Beatles, che ancora gli dovevano qualcosa per aver bevuto a scrocco, o dei tanti artisti e pittori Hundertwasser, Corsa, di Lieto, Rudi e Vali......Peter Thomson.. Lui, come i tanti operatori di una volta, dal cuore grande e dalla mani incallite dal lavoro duro e onesto di una vita, accoglieva sempre con gentilezza e umanità tutti. Dal suo bar passava e si incontrava il mondo.. tante storie, purtroppo, non potremo sentirle più...Ora Ciro, che ha concluso i suoi giorni nella sua casetta a Praiano giù per le scale della Gavitella, nel "cuore" della costa d' Amalfi, non è più, ma rimarrà per sempre nella memoria e nella storia del nostro paese.. Michele Cinque Domani alle 16 i funerali a Praiano nella Chiesa San Gennaro Facciamo di cuore le nostre condoglianze a tutta la famiglia, alla moglie, alle figlie e al figlio "GIRITIELLO" IL BAR DEMARTINO ERA IL PARADISO TERRESTRE DI GIRITIELLO DELLA SUA SEGRETA SOLITUDINE.FACEVA IL PASTICCERE ED ERA LA PERSONA PIU' DOLCE DEI SUOI DOLCI..... AMORE! LO DONAVA CON SEMPLICITA'. REGALAVA MUSICA SERALE A TUTTI I SUOI CLIENTI. CHITARRA E MANDOLINI ALZAVANO GLI ANIMI. LI VEDEVI TUTTI ECCITATI,SBRONZI DI MELODIE. VOLAVANO CON LA MENTE IN ESTASI NELL'ALTO CIELO. E CON LE MANI STRINGEVANO A SE' UNA BELLA DONNA.... CONOSCIUTA IN QUEL MAGICO BAR DI GIRITIELLO!!! SI VIVEVA TUTTA UNA VITA FAVOREVOLE AI SENSI... ATTORI POETI E ARTISTI VENUTI DA OGNI PARTE DEL MONDO OGNI ANNO ANDAVANO E RITORNAVANO PER RITROVARSI ANCORA Lì.... AL BAR DE MARTINO. GIRITIELLO ORA VIVE CON I SUOI GAI RICORDI IN UNA VILLA A PICCO SUL MARE CON LA SUA BELLA FAMIGLIA, DISPIACIUTO CHE ADESSO E' TUTTO CAMBIATO. Angela Mammato

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 05:35:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] don Giuseppe Giordano, parroco di San Pietro a Vico dal 1984 e cappellano del carcere di San Giorgio

LUCCA, 24 febbraio 2013 - Il sacerdote si è spento nella tarda serata di giovedì all'hospice San Cataldo dove era ricoverato a causa di un male incurabile. La camera ardente è allestita presso la chiesa parrocchiale di San Pietro a Vico. Il funerale è fissato per oggi alle ore 15. Giuseppe Giordano è nato a Pescia nel marzo del 1943, primogenito della famiglia di Giovan Battista Giordano, noto medico psichiatra dell'ospedale di Maggiano. Durante gli studi al Liceo Classico "Machiavelli" di Lucca dette una svolta alla sua vita, decise di entrare in seminario e fu ordinato sacerdote nel giugno del 1967. Cappellano a Marlia, fu mandato dal vescovo Bartoletti a studiare Sacra Liturgia. Accolto a Roma al Collegio Capranica, ottenne la Licenza di Insegnamento presso la facoltà S. Anselmo dei Padri Benedettini. Al suo rientro a Lucca, all'inizio degli anni '70, don Giuseppe (più conosciuto come "don Beppe") iniziò a lavorare in un'officina meccanica, facendo del lavoro manuale il suo stile di vita e la sua risorsa economica, nel solco della storia dei preti operai. Nominato parroco della piccola comunità di San Pietro a Marcigliano, in assenza di una casa canonica, prese in affitto un frantoio ormai in disuso e lo trasformò in una casa aperta, disponibile all'accoglienza di chiunque, fucina non solo di ferri lavorati ma anche e soprattutto di ricostruzione di percorsi di vita. Nel luglio del 1984 fu nominato parroco di San Pietro a Vico dove ha continuato ad essere punto di riferimento di tanti nel percorso originato dal bisogno o dalla ricerca di senso. Fu a lungo docente presso l'Istituto Superiore di Scienze Religiose "Beato Niccolò Stenone" ma la sua vocazione alla formazione lo ha portato a tenere lezioni e incontri, sempre affollatissimi, non solo nella diocesi di Lucca ma anche in quelle limitrofe dove nel tempo ha incontrato centinaia di catechisti, operatori pastorali, coppie di fidanzati e genitori. Grande amico del pastore valdese Domenico Maselli, è stato un convinto sostenitore e fautore del dialogo interreligioso. Richiesto dal vescovo Castellani di unire all'impegno parrocchiale quello di cappellano della Casa Circondariale "San Giorgio", a partire dalla fine del 2008 ha profuso energie in una presenza quotidiana e fattiva nel carcere, fitta di colloqui con i detenuti, di sostegno materiale e di collaborazione con il personale di custodia e con la direzione per una dimensione umana di una realtà oggi pesantemente segnata, in particolare dal sovraffollamento. Bloccato in casa alla vigilia di Natale da dolori sempre più persistenti, è stato ricoverato alla vigilia dell'Epifania presso l'Ospedale di Lucca dove gli è stato diagnosticato un male incurabile che lo ha portato in un tempo incredibilmente veloce al trasferimento all'Hospice San Cataldo per essere accompagnato verso la consumazione della propria esistenza.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 05:31:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] Angela Sardone, 45 anni è morta nell'incidente stradale sulla provinciale che collega Cassano Murge ad Altamura

Bari 24 febbraio 2013- Una donna di 45 anni, Angela Sardone, è morta nell'incidente stradale avvenuto stamani sulla provinciale che collega Cassano Murge ad Altamura. Tre le auto coinvolte, tra cui l'Opel Corsa della vittima che viaggiava con la figlia di 12 anni, ricoverata al Miulli di Acquaviva delle Fonti. Nell'impatto con la Opel è rimasta ferita anche la conducente di una Mercedes classe B. Illeso, invece, l'autista della terza vettura coinvolta, un'Alfa 156. Sul posto vigili del fuoco, polstrada e 118.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 05:27:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] ragazzo 21 enne muore in un incidente in via Mazzini, all’incrocio con via Serapide, proprio di fronte all’ingresso del parcheggio della stazione vecchia

Gaeta 24 Febbraio 2013 Il giovane, deceduto alle 7 circa, era nato e residente nella città del Golfo. Il ragazzo era alla guida di una Hyundai i10 quando si è schiantato contro lo spigolo di un muro e contro un palo della pubblica illuminazione A 21 anni, è morto questa mattina schiantandosi con la sua auto in centro a Gaeta. La giovane vittima deceduta alle 7 circa era nato e residente nella città del Golfo. Il ragazzo era alla guida di una Hyundai i10 quando, in via Mazzini, all'incrocio con via Serapide, proprio di fronte all'ingresso del parcheggio della stazione vecchia, si è schiantato contro lo spigolo di un muro e contro un palo della pubblica illuminazione. Nonostante l'attivazione dell'airbag, per il ragazzo non c'è stato nulla da fare. E' morto sul colpo. La dinamica è al vaglio dei carabinieri. Spetterà a loro stabilire la dinamica della tragedia.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 05:22:00 AM

[ANGELI VOLATI VIA] 54 enne ha accoltellato e ucciso la moglie di 31 anni,scappando con i figli

BOLOGNA 24 Febbraio 2013 Tragedia familiare nel bolognese, un uomo ha accoltellato e ucciso la moglie di 31 anni, con la quale aveva avuto un litigio. Poi ha preso i due figli piccoli, di quattro e due anni, ed è fuggito via con la macchina, sotto la nevicata. È successo in serata, verso le 21.30 a Budrio, nella pianura bolognese. Verso mezzanotte l'uomo, 54 anni, marocchino come la donna, dopo aver portato i bambini da sua madre si è consegnato nella stazione dei carabinieri del luogo. Nel frattempo erano stati avviate le ricerche. Lo straniero è regolare e nell'ultimo periodo era senza occupazione. A quanto si è potuto ricostruire viveva con dei lavoretti saltuari. Ora sarà accusato di omicidio. I militari della compagnia di Medicina, guidati dal capitano Francesco Cattaneo, insieme al nucleo investigativo del comando provinciale di Bologna, avevano immediatamente fatto scattare le ricerche nella zona, temendo che l'uomo potesse commettere un'altra sciocchezza. LE RICERCHE Sono stati contattati alcuni parenti, ma per fortuna poco dopo è stato lui stesso a presentarsi spontaneamente. I piccoli li aveva portati e affidati alla nonna, in un comune vicino. Sul luogo dell'omicidio intanto era arrivata la sezione Investigazione scientifiche e il medico legale. Dell'episodio è stato avvisato anche il pm di turno della Procura di Bologna. Adesso che il marocchino si è costituito, gli investigatori, anche sentendo il suo racconto, dovranno accertare i contorni della vicenda per capire meglio il contesto familiare e i dettagli di quello che è successo in via Frati Cappuccini 2, una stradina nel piccolo centro storico del paese. Sembra che anche la donna ultimamente fosse senza lavoro.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/24/2013 05:10:00 AM

sabato 23 febbraio 2013

[ANGELI VOLATI VIA] Ismaele Valceschini, pensionato di 58 anni muore al ritorno dal seggio,Colpito da malore

Una vigilia elettorale segnata dal lutto a Brembilla, dopo la morte improvvisa di un pensionato del paese che ieri aveva trascorso la prima giornata ai seggi come scrutatore. Colpito da un malore, infatti, non si è più ripreso Ismaele Valceschini, pensionato di 58 anni che sabato 23 febbraio, nel tardo pomeriggio, è stato trovato da alcuni passanti riverso a terra, in strada, a pochi metri da casa, in via Valletta, nella zona delle scuole medie. Il pensionato è stato soccorso da un'infermieria, che si è accorta della persona distesa per terra, e da un carabiniere. Constatate le gravi condizioni di Valceschini, i due hanno chiamato il 118 e hanno seguito le istruzioni di pronto soccorso che venivano loro fornite dagli addetti della sala operativa, fino all'arrivo dei volontari della Vab con l'ambulanza. Il 58enne respirava a fatica e perdeva sangue dalla bocca. I volontari della Vab, provenienti dalla vicina sede di Brembilla, sono scesi dal mezzo con il defibrillatore automatico e hanno cominciato la rianimazione del pensionato. A un certo punto sembrava quasi che l'uomo si stesse riprendendo. Poi però di nuovo non ha più dato segni di vita e neppure l'intervento dell'équipe dell'automedica, arrivata da San Giovanni Bianco, è riuscita a risollevare la situazione. Nel pomeriggio il pensionato era stato nel seggio di Laxolo, dove era stato chiamato a svolgere il ruolo di scrutatore: poi gli avevano dato un passaggio e quando è stato male stava rientrando a casa a piedi. Il 58enne da due anni era andato in pensione dopo aver lavorato come operaio nell'azienda Gervasoni Bono, che realizza minuterie metalliche. Lascia nel dolore la moglie Sandra e le figlie Vania ed Elisa.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/23/2013 06:13:00 PM

[ANGELI VOLATI VIA] E' scomparso all'età di 68 anni Moreno Tampucci, il terzo portiere del Cagliari dello scudetto

Nato a Collesalvetti, in provincia di Livorno, il 15 luglio 1944, iniziò la carriera nella Lucchese per poi passare al Quartu Sant'Elena e nel 1967 al Cagliari. Una parentesi nell'Olbia nel 1968-69 e il ritorno in rossoblù, dove, chiuso da Albertosi e Reginato, in due anni totalizzò 2 presenze. Quindi il trasferimento al Latina e infine alla Tharros. Alla famiglia di Moreno va il cordoglio da parte del Cagliari Calcio.

--
Postato da Blogger su ANGELI VOLATI VIA il 2/23/2013 09:45:00 AM
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Archivio Completo